Nel 2015, in Italia sono state vendute 1.574.872 autovetture nuove, in crescita del 15,8% rispetto alle 1.360.578 del 2014. In leggera ripresa (+1,3%) gli acquisti dei privati, che l’anno scorso hanno rappresentato il 63,7% del totale. Merito “soprattutto alle fortissime promozioni messe in campo da Case e Concessionari”, dice l’associazione delle Case estere Unrae, che nonostante le performance positive del mercato, lamenta “la vetustà del parco circolante italiano, che ormai si porta dietro più di 16 milioni di vetture Euro 0, 1, 2 e 3” e chiede al Governo interventi strutturali. Seconda una stima del Centro Studi Fleet&Mobility, nel 2015 si sono spesi 29,4 miliardi di euro per l’acquisto di auto nuove, 4 miliardi in più rispetto all’anno precedente.

Guardando più nel dettaglio alle immatricolazioni del 2015, i dati diffusi dal Ministero dei trasporti evidenziano la crescita di auto a benzina (+16,6%), diesel (+24,8%), ibride (+21,5%) ed elettriche (+31,5%, 1.460 esemplari). In calo, invece, le auto a gas: -3% quelle a Gpl, -13% quelle a metano. La Panda rimane il modello più venduto – da sola rappresenta più di un quarto delle vendite di Fiat Chrysler e l’8% del mercato – seguita da Punto e Lancia Ypsilon. Quanto ai gruppi automobilistici, FCA continua a essere di gran lunga il primo, con una quota di mercato del 28,42%, seguito da gruppo Volkswagen (12,96%), PSA (14,81%), Renault (8,81%) e Ford (6,94%).

Nel 2015 tutti i gruppi automobilistici hanno venduto più che nel 2014, ma alcuni hanno eroso le quote di mercato dei concorrenti. Crescono più della media del mercato FCA (trainata dal marchio Fiat, +16,85, e dalla performance della Jeep, +164%), Ford (+19,26%), Daimler (+24,8% grazie a Smart), Nissan (+18,83%), Suzuki (+17,16%), Jaguar Land Rover (+26,27%). Crescono più o meno in linea con il mercato – dunque mantengono circa lo stesso peso – i gruppi PSA (+14,81%), Renault (+16%), Hyundai (+15,94%), BMW (+14,32%) e Volvo (+13,37%). Crescono meno della media – cioè lasciano spazio ai concorrenti  – il gruppo Volkswagen (+9,67%), il gruppo Opel (+7,85%, paga la sparizione dal mercato del marchio Chevrolet) e Toyota (+9,45%). Fra i marchi che hanno una fetta di mercato inferiore all’1%, da segnalare la crescita di Mazda (+35,93%), Porsche (+21,79), Mitsubishi (+31,18%) e SsangYong (+60.68%).

La top 10 dei modelli più venduti in Italia nel 2015
1) Fiat Panda (126.326 esemplari)
2) Fiat Punto (56.501)
3) Lancia Ypsilon (55.831)
4) Fiat 500L (49.931)
5) Volkswagen Golf (44.436)
6) Fiat 500 (44.166)
7) Renault Clio (43.193)
8) Ford Fiesta (40.275)
9) Volkswagen Polo (36.384)
10) Fiat 500X (32.572)

Mercato Italia 2015, i dati di vendita per marca
Mercato Italia 2015, i dati per alimentazione, segmento, area geografica

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

2015, i dieci eventi che il mondo dell’auto ricorderà. Dalla Giulia al dieselgate

prev
Articolo Successivo

Volkswagen, governo Usa deposita causa civile e chiede multa record da 80 miliardi

next