Un attentato terroristico ha provocato la morte di 15 membri della forza di sicurezza e il ferimento di altre 22 persone, alla base militare di Camp Speicher in Iraq. Secondo quanto riporta l’agenzia stampa Reuters, l’attacco è stato rivendicato dall’Isis ed è stato eseguito da 5 attentatori sucidi: due di loro si sono fatti esplodere all’interno di un’automobile all’ingresso della base. Gli altri tre, invece, si sono fatti esplodere nella sezione dove vengono addestrati gli uomini della polizia irachena.

Camp Sepicher si trova a Tikrit, città a nord della capitale Baghdad. Non è la prima volta che la base viene presa di mira dallo Stato Islamico. Nel 2014, all’inizio dell’avanzata del gruppo terroristico, 1700 reclute erano state massacrate dagli jihadisti. Quando in aprile Tikrit venne liberata dall’esercito iracheno e dalle milizie sciite, molti corpi dei soldati uccisi furono trovati in 10 fosse comuni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi e rischio recessione globale: il futuro non è nell’economia

next
Articolo Successivo

L’Arabia Saudita interrompe le relazioni con l’Iran: evacuati i diplomatici

next