“Non esiste un modello unico di sistema presidenziale. Ci sono tanti esempi in tutto il mondo anche nel passato: guardate la Germania di Hitler“. Ad affermarlo in una conferenza stampa è stato il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan. Il parallelismo con il Terzo Reich è stato fatto per spiegare come in Turchia sia necessario, a suo giudizio, un accentramento dei poteri: “Quello che conta – ha continuato Erdogan – è che un sistema presidenziale non dia fastidio al popolo per come viene applicato. Se garantisci la giustizia, non ci saranno problemi perché la gente vuole e si aspetta giustizia”. Erdogan ha più volte sostenuto come sia necessario dare più ampi poteri al capo dello Stato come avviene in Stati Uniti e Francia.

Ma la citazione del dittatore tedesco ha suscitato molte polemiche tra i media del paese. La presidenza turca ha subito respinto le accuse per l’esaltazione della figura del Führer: “La metafora sulla Germania di Hitler di Erdogan – si legge in una nota – è stata distorta da alcuni media e utilizzata in senso opposto”. L’obiettivo, spiega ancora la presidenza, non era mostrare il Terzo Reich in chiave positiva: “Se il sistema viene abusato può portare a una cattiva gestione che porta a disastri come nella Germania di Hitler… La cosa importante è quella di perseguire un sistema di governo equo che sia al servizio della nazione”. La nota si conclude ricordando passate prese di posizione del presidente turco di condanna dell’Olocausto e dell’antisemitismo.

Tuttavia Erdogan negli ultimi mesi è stato più volte accusato di voler instaurare un sistema autoritario. In particolare è stato molto criticato per i suoi tentativi di censura alla stampa di opposizione. Tra i media più presi di mira la rivista Nokta, i cui vertici sono stati più volti accusati di eversione e propaganda terroristica. L’ultima volta, il primo novembre scorso, subito dopo le elezioni politiche turche, quando furono arrestati il direttore e il vicedirettore del settimanale. Quello stesso giorno finirono in cella 35 persone in quanto sostenitori del religioso musulmano, Fethullah Gulen, avversario di Erdogan.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Arabia Saudita, l’esecuzione sommaria di 47 ‘terroristi’

prev
Articolo Successivo

Elezioni Spagna, l’intesa per il governo ancora non c’è: si va verso il ritorno alle urne

next