Un vasto incendio si è sviluppato in un palazzo del centro di Dubai, che ospita l’hotel The Address, a poca distanza dal Burj Khalifa Tower e nell’area dove migliaia di persone si sono radunate per vedere i fuochi artificiali di Capodanno. Sono intervenuti i vigili del fuoco, secondo quanto ha riferito Gulf News. La testata stima che due milioni di persone fossero attese sul posto per assistere ai fuochi. L’hotel The Address è stato evacuato e le persone che si trovano nel Dubai Mall adiacente all’hotel vengono trasferite in luoghi sicuri, si legge sulla testata.

L’incendio, secondo le autorità della difesa civile, si sarebbe sviluppato dal 20esimo piano sull’esterno del palazzo costituito da 63 piani. I sistemi antincendio interni si sono attivati per evitare che le fiamme prendessero piede anche nell’interno dell’edificio. Secondo altre fonti non è chiara l’origine dell’incendio che si è sviluppato su almeno 20 piani della costruzione che sorge “vicino” al Burj Khalifa, il più alto grattacielo al mondo (828 metri di altezza). Si ignora al momento se vi siano ustionati o intossicati, ma secondo alcune fonti non vi sarebbero feriti. Lo spettacolo pirotecnico con 1,6 tonnellate di fuochi d’artificio, infatti, si terrà ugualmente e partirà come da programma dal Burj Khalifa, attrezzato per l’occasione con 400 luci al led. La comunicazione è stata data direttamente dalle autorità del posto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, “battaglia” di Guantanamo: Obama sfida i repubblicani e punta a chiudere il carcere svuotandolo “in silenzio”

next
Articolo Successivo

Monaco, allerta terrorismo nella notte di Capodanno. Evacuate due stazioni. “Caccia a 7 iracheni e siriani”

next