Cramer Ball è stato nominato nuovo amministratore delegato di Alitalia in sostituzione di Silvano Cassano, che si è dimesso a settembre a meno di un anno dalla nomina. Ball ha oltre 20 anni di esperienza nel settore dell’aviazione e viene dal vettore indiano Jet Airways, dove ha ricoperto il ruolo di ad dopo essere stato numero uno di Air Seychelles. Si insedierà a marzo 2016 e fino ad allora il presidente Luca Montezemolo continuerà a reggere l’incarico ad interim. Una nota della compagnia spiega che la designazione ha seguito le raccomandazioni del comitato nomine e remunerazioni, che dallo scorso settembre ha esaminato diversi potenziali candidati in collaborazione con cacciatori di teste internazionali. “L’esperienza nel settore del trasposto aereo, le capacità manageriali e di gestione del cambiamento di Cramer Ball sono stati i principali motivi per la decisione presa oggi”, si legge nel comunicato.

Montezemolo ha detto che “Cramer la persona giusta per proseguire in assoluta continuità lo sviluppo e l’implementazione del nostro piano industriale già avviato, con l’obbiettivo di riportare l’azienda in utile nel 2017″. La nota prosegue raccontando che Ball ha portato la compagnia aerea di Mumbai a ridurre le perdite mettendola in condizione di raggiungere l’utile il prossimo anno e “ha guidato con successo la trasformazione di Air Seychelles in un business profittevole”. Prima ancora Ball ha ricoperto il ruolo di Regional General Manager – Sud Est Asia per Etihad Airways a Bangkok e general manager Australia e Nuova Zelanda per la compagnia aerea emiratina, a Sydney. Ha inoltre ricoperto ruoli simili in Gulf Air.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Salva banche, Renzi: “Raffaele Cantone sia l’arbitro sulle truffe agli obbligazionisti”

prev
Articolo Successivo

Crac Divania, Cassazione conferma proscioglimento dei dirigenti di Unicredit accusati di truffa

next