Il Consiglio di Stato congela la vendita di Mediolanum da parte della famiglia Berlusconi. I giudici di Palazzo Spada hanno infatti sospeso l’esecutività dell’obbligo di cessione da parte di Fininvest del 20% circa della rete di bancassicurazione stabilito da Bankitalia in seguito alla perdita dei requisiti di onorabilità da parte dell’ex premier condannato per frode fiscale. La decisione, si legge nella sentenza, nasce “dall’esigenza di conservare la situazione attualmente esistente” in vista dell’udienza di merito fissata al 14 gennaio 2016, “considerato che il ricorso solleva questioni la cui serietà e complessità richiede un approfondimento”. La disposizione dell’ottobre 2014 prevedeva che la holding del Biscione dovesse cedere la partecipazione oltre il 9% entro 30 mesi, nel caso conferendola nel frattempo a un trust. Mediolanum era infatti nel frattempo diventata capogruppo di Banca Mediolanum e quindi soggetta alle norme previste per le banche, inclusi i requisiti di onorabilità richiesti a quanti hanno più del 10% del capitale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ferrari, Marchionne annuncia ai dipendenti bonus di fine anno di 5mila euro lordi

prev
Articolo Successivo

Crescita, per l’Istat il 2015 si chiuderà a +0,7%, contro le attese del governo di un +0,9%

next