Sedici morti e tre feriti in un attacco contro un night club nel quartiere di el Agouza del Cairo in Egitto. Una bomba molotov è stata lanciata tra le 6 e le 7 del mattino all’interno del locale da tre uomini mascherati a bordo di una moto. Il consigliere Ahmed el Bakli della procura ha detto che tra i responsabili ci sarebbero “due ex impiegati del locale licenziati”. Il proprietario Essam Hamed Sous, che è anche sottosegretario al ministero della Cultura, ha accusato “due suoi ex dipendenti”.

L’attacco ha causato un forte incendio: le vittime sono morte bruciate oppure per aver inalato i gas, perché il locale si trova in un sotterraneo e non ha vie di fuga. Una fonte della sicurezza egiziana ha detto che si ipotizza che dietro all’incidente ci siano “moventi criminali” e non terroristici: “In base alle prime indagini sono emerse informazioni sul fatto che vi sia stato un diverbio tra gli addetti al night club e altre persone, che per vendicarsi hanno lanciato bombe molotov contro l’ingresso del locale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genocidio in Ruanda, storia degli eroi italiani

next
Articolo Successivo

Londra, allarme dei servizi: “Minaccia Isis concreta dopo l’avvio dei raid in Siria”

next