“Cento miliziani uccisi e 900 ostaggi liberati”. L’esercito del Camerun ha messo a segno un’importante operazione al confine con la Nigeria contro il gruppo terroristico alleato dell’Isis dei Boko Haram. A darne notizia è il portavoce dell’esercito Didier Badjeck, come riportano i media internazionali e dalla Mena, agenzia di stampa egiziana.

La Mena aggiunge che il portavoce delle forze armate ha anche annunciato il blitz in un discorso alla tv. Secondo la stampa internazionale, tra cui The Independent, l’operazione sarebbe stata lanciata a fine novembre. L’Ap aggiunge, citando il governatore della provincia settentrionale del Paese, Midjiyawa Bakary, che ieri due ragazze kamikaze si sono fatte esplodere uccidendo almeno sei persone nella città di Waza. Bakary ha poi precisato che una terza kamikaze è stata uccisa dai soldati prima che compiesse il suo gesto e che le tre ragazze provenivano dalla Nigeria.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Venezuela al voto (e in crisi), presidente Maduro contro i privati: “Tutti in galera”

next
Articolo Successivo

Traffico esseri umani, sgominata la più grande organizzazione cinese: 32mila persone uscite illegalmente dal Paese

next