Una telecamera nascosta all’interno di un’azienda lattiero-casearia della Nuova Zelanda, in un’indagine avviata dalla Farmwatch e dall’organizzazione per la difesa degli animali SAFE, ha mostrato le immagini dei brutali maltrattamenti a cui vengono sottoposti i vitellini maschi, nati esclusivamente per garantire alla madre la continua produzione del latte. Gli animali vengono violentemente gettati sui camion o trascinati sul pavimento tirandoli per le zampe. Il filmato, un’inchiesta dal titolo ‘Down the farm’ della Tv nazionale Tvnz, mostra inoltre un operaio mentre prende a calci i vitellini nati appena da 4 giorni. Si calcola che più di 2 milioni di vitellini vengono uccisi ogni anno in questo modo. La Nuova Zelanda è stato un grande esportatore di prodotti lattiero-caseari verso il Regno Unito fino al 1970, oggi le esportazioni avvengono principalmente verso il Medio Oriente, il Sudest asiatico e il Nord Africa

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libano, ex moglie e figlia di al Baghdadi rilasciati in scambio di prigionieri con al-Nusra

next
Articolo Successivo

Scherzi bastardi: finge il rapimento e l’omicidio di un suo amico, ma su youtube è pioggia di dislike

next