Nella settimana che ha preceduto la Giornata Mondiale contro l’Aids che si celebra oggi, 1 dicembre, la Durex ha lanciato una campagna #CondomEmoji per sollecitare l’introduzione dell’immagine del profilattico nelle emoji. L’idea è quella di avvalersi di un linguaggio molto vicino ai giovani ragazzi e ragazze che ancora oggi rimangono una fascia della popolazione che utilizza comportamenti a rischio per quanto riguarda i rapporti sessuali. Se l’immagine venisse introdotta, pensano gli ideatori della campagna, potrebbe diventare una nuova forma di comunicazione che eviterebbe l’imbarazzo del proporre o chiedere l’uso del profilattico: un invio di un condomemoji e ci si capisce al volo, senza equivoci.

In un periodo storico dove i dati relativi alla diffusione delle infezioni da Hiv rimangono stabili in Europa, l’introduzione di questa novità potrebbe portare un contributo al lavoro di promozione per una sessualità sicura.

In attesa della decisione, i dati più recenti dell’Istituto Superiore di Sanità pubblicati sul sito del Centro Operativo Aids (Coa) riportano una certa stabilità delle nuove diagnosi di Hiv in Italia, 3.608 nel 2013, con un numero dei casi di Aids pari a 1,016. Il ritardo nella diagnosi, che avviene molto tempo dopo il primo contatto con l’infezione, è presente in più della metà dei nuovi casi, e questo si configura come un dato preoccupante nella gestione delle cure.

Gli uomini detengono il 72,2% dei casi di nuove infezioni, e l’83,9% di nuove segnalazioni di infezione sono attribuibili a rapporti sessuali non protetti. Il Lazio, la Lombardia e il Piemonte sono le regioni che hanno registrato nel 2013 il più alto numero di diagnosi di Hiv.

La stabilità dei casi rispetto agli anni precedenti e ai dati europei, non deve fare abbassare la guardia riguardo le strategie di prevenzione, sempre indispensabili, quando si parla di rapporti sessuali.

Non ci stancheremo mai di sottolineare l’importanza dell’utilizzo del profilattico sempre e comunque, sia quello maschile che il meno conosciuto femminile, imparando ad utilizzarli e facendoli diventare dei compagni di viaggio fondamentali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cop 21 a Parigi, i limiti della crescita nel mondo di ‘Buridano’

next
Articolo Successivo

Expo 2015: serve più partecipazione per decidere il destino dell’area espositiva

next