Doveva essere una relazione sul lavoro svolto in Regione, si è trasformata in una sorta di processo ai consiglieri. Con accuse, controaccuse, insulti e urla. Il tutto in un clima che definire di fuoco è poco. È questa la cronaca della tappa bolognese del “Regionando tour”, organizzato dagli eletti in Emilia Romagna del Movimento 5 stelle, capeggiati da Giulia Gibertoni. Mercoledì 25 novembre hanno chiamato a raccolta attivisti e semplici cittadini al circolo Mazzini, nella prima periferia di Bologna, per fare un resoconto del lavoro dentro le torri di viale Aldo Moro. A scatenare la rabbia della base è stata ancora una volta la questione del taglio degli stipendi, insufficiente secondo alcuni militanti, e già al centro di una denuncia diffusa da alcuni esponenti 5 stelle di Modena.

Il tema è un nervo scoperto nel M5S, delicatissimo e spesso sotto la lente e lo sguardo severo degli attivisti. Nel corso dell’incontro emerge poco dopo la fine della relazione degli eletti, a dibattito iniziato. A fare l’intervento più duro Serena Saetti, ex consigliera di quartiere compagna del videomaker Nik il Nero (nello staff M5S in Parlamento) e molto vicina all’area di Massimo Bugani. “Dovete vergognarvi” ripete più volte. “In campagna elettorale avevate promesso di ridurvi il compenso e prendere 2500 euro al mese, invece a conti fatti la capogruppo Giulia Gibertoni prende 5900 euro netti, tra Tfr e copertura legale”. Si salva solo la fedelissima Silvia Piccinini: “Sta rispettando i patti e la ringrazio: è l’unica coerente. Questa situazione è imbarazzante, soprattutto perché Gibertoni ha detto più volte pubblicamente che si sarebbe tenuta solo 2500 euro”.

I consiglieri seduti al tavolo ascoltano, ma poi cercano di difendere le proprie scelte. “Abbiamo cercato di valutare la situazione personale di ciascuno di noi – spiega Gibertoni – Alcuni sono dipendenti in aspettativa, e hanno quindi un’azienda dietro che accantona i contributi e il Tfr. Ma altri no, sono autonomi”. Di fatto secondo la rendicontazione pubblicata online, Gibertoni trattiene ogni mese uno stipendio di 3100 (da una busta paga di 7200), a cui si aggiunge una quota per i contributi previdenziali e il Tfr, pari a circa 1600 euro, e altre spese per avvocati, pasti e spostamenti. La somma restituita quindi è pari a circa 1300 al mese, contro i 3000 euro medi di Piccinini.

Un’altra attivista però rincara. “Quello che restituite è insufficiente. In Campania, ad esempio, con gli extrastipendi sono riusciti a sistemare scuole, a ottenere delle cose concrete. Noi invece non stiamo facendo niente, perché non ci sono abbastanza soldi. Sono delusa e mi trema la voce di rabbia. In campagna elettorale feci i complimenti a Gibertoni, ma ora quello che vedo non mi sta bene, e ho il diritto a criticare. Vi invito a ripartire da qui e ad avere un comportamento più consono a un consigliere del Movimento 5 stelle”. E ancora: “Avere uno stipendio di 2500 euro oggi è una fortuna” dice un iscritto di Imola.

La sala si agita. Alcuni perdono la calma e accusano i critici “di essere in malafede” e di dare vita a inutili “sceneggiate”. Altri scuotono la testa, sono demoralizzati: “Che piccolezze”. C’è anche chi invita a riportare il dibattito su altri binari, evitando di concentrare tutto sui soldi e sulla rendicontazione. “Ho sentito parlare solo di stipendi” dice al microfono un attivista arrivato da San Giovanni in Persiceto. “Pensavo di trovare un gruppo unito e collaborativo, invece non è così”.

Nel pomeriggio Giulia Gibertoni ha pubblicato una nota di precisazione su Facebook: “I consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle Emilia-Romagna”, si legge, “si riducono già gli stipendi (i più bassi in Italia dopo che è stata approvata anche grazie a noi la riduzione a 5.000 euro lordi per tutti), rifiutano ogni indennità aggiuntiva di carica e restituiscono le eccedenze delle spese rendicontate”. E ha aggiunto: “I cinque consiglieri M5S sono gli unici in Regione a rendicontare le proprie spese. Personalmente come del resto già detto più volte agli attivisti dei territori, se la base lo riterrà opportuno, saro’ disponibile a ridurmi ulteriormente lo stipendio base”. Gibertoni ha anche spiegato il motivo per cui le eccedenze non sono ancora state restituite: “Come abbiamo sottolineato più di una volta, siamo in attesa che l’Assemblea Regionale istituisca e renda attivo un Fondo regionale per il microcredito alle imprese emiliano-romagnole, già fatto approvare da noi in aula. Se questo non avverrà entro la fine dell’anno, restituiremo le somme già accantonate al fondo nazionale per il microcredito”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terrorismo in Italia, “pericolo del reato deve essere attuale”. Così la riforma della custodia ha “salvato” gli espulsi da Alfano

next
Articolo Successivo

Bologna, Saeco licenzia metà dei suoi dipendenti. Fiom: “Inaccettabile”

next