Il 14 gennaio un Maometto piangente su uno sfondo verde, reggeva un cartello con la scritta “Je suis Charlie, mentre sulla testa spiccava la frase “Tout est pardonnè“, tutto è perdonato. Un modo per ricominciare dopo l’attacco terroristico che il 7 gennaio provocò la mattanza tra le scrivanie e 12 vittime in redazione. A dieci mesi di distanza, dopo un altro attacco che ha colpito il cuore di Parigi, causando la morte di 130 persone, Charlie Hebdo lancia una nuova copertina destinata ad entrare nella storia e a far discutere: lo sfondo è rosso e un ragazzo balla mentre beve champagne che zampilla dai fori dei proiettili sparsi su tutto corpo. La scritta stavolta esprime tutta l’irriverenza e la satira del giornale francese: “Loro hanno le armi. Si fottano, noi abbiamo lo champagne”. La vignetta porta la firma di Coco, Corinne Rey, una dei sopravvissuti all’attacco di gennaio, ed uscirà nelle edicole francesi mercoledì 18.

Schermata 2015-11-17 alle 10.43.27

“E’ questa l’unica risposta da dare ai terroristi. Rendendo vano il terrore che cercano di creare”, ha scritto il direttore Riss nell’editoriale del nuovo numero. “Senza rendersene contro i parigini del 2015 sono un po’ diventati i londinesi del 1940, determinati a non cedere, né alla paura né alla rassegnazione”.

Sul proprio sito, Charlie pubblica anche un’altra immagine satirica: i francesi sono rappresentati come fantasmi che vanno a comprare il pane. Accanto la scritta “I francesi riprendono una vita normale”.

JUIN-ATTENTATSPARIS

 

Su internet circola anche un’altra vignetta legata al giornale satirico francese, che ne riprende la copertina: si tratta di un disegno dell’ex componente della redazione di Charlie, Joann Sfar. Nell’immagine si legge: “Amici di tutto il mondo, grazie di pregare per Parigi #prayforParis ma non ci serve più religione! Crediamo nella musica! Nei baci! Nella vita! Champagne e gioia! #Parisisaboutlife (Parigi è per la vita)”.

 

8

Una foto pubblicata da Joann Sfar (@joannsfar) in data:

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

×
Articolo Precedente

Attentati Parigi, alleanza Francia-Russia: “Bombardamenti coordinati contro Isis”. Bruxelles a Parigi: “Sì ad aiuto militare”

prev
Articolo Successivo

Attentati Parigi, i ricercati sono due. Salah chiamò amico: ‘Vieni a prendermi’. Telefono di kamikaze con sms: “Siamo pronti”

next