Fischi e grida durante il minuto di silenzio in ricordo delle vittime degli attentati di venerdì scorso a Parigi. La scena si è svolta prima della partita Turchia-Grecia, martedì sera a Istanbul. 

Alcuni dei tifosi turchi presenti al Basaksehir stadium hanno anche scandito ‘Allah Akbar‘, cioè “Allah è il più grande”, espressione simbolo della fede islamica. Lo hanno riferito media locali, diffondendo un video in cui si sente la contestazione. In molti cantano un coro nazionalista di estrema destra “Şehitler ölmez, vatan bölünmez”: letteralmente “i martiri non muoiono, il paese non si divide”. In tribuna c’erano anche i primi ministri dei due paesi, Ahmet Davutoglu e Alexis Tsipras.

Un episodio simile era successo il 13 ottobre durante Turchia-Islanda, giocata dopo l’attentato durante la manifestazione pacifista ad Ankara nella quale morirono 97 filo-curdi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentati Parigi, Obama: “Politica su rifugiati non cambia”. Rivolta dei repubblicani

next
Articolo Successivo

Attentati Parigi, Germania-Olanda annullata. Evacuato stadio di Hannover: “Volevano far esplodere una bomba” – DIRETTA ORA PER ORA

next