Vescovi e imam in marcia insieme. Due iniziative diverse, una in Abruzzo l’altra in Toscana, ma con un obiettivo comune: manifestare contro il terrorismo. Alla fiaccolata silenziosa di Avezzano (l’Aquila) i protagonisti sono stati monsignor Pietro Santoro, vescovo dei Marsi, e  l’imam della comunità islamica locale (4000 aderenti). Oltre a loro c’era anche il rappresentante della comunità ortodossa, molti sindaci della zona, rappresentanti della Regione Abruzzo e semplici cittadini. “Sono qui per unirmi ai rappresentanti delle altre religioni – ha detto Monsignor Santoro -, ai rappresentanti istituzionali ed a tutti i cittadini, stiamo vivendo un momento tragico e, senza giudicare la mia fede e quella degli altri, credo che non si possa uccidere in nome di Dio ma, in questo momento drammatico, penso sia importante costruire ponti e non muri”. “Il nostro credo non ci permette nemmeno di uccidere una formica, figuriamoci un essere umano; siamo rimasti male per quello che è accaduto a Parigi ma questo è solo politica non è l’Islam“. ha invece commentato l’Imam.

A Colle Val d’Elsa (Siena) a guidare la camminata della pace sono stati  l’imam locale Mohammad Abdel Qader e l’arcivescovo Antonio Buoncristiani. Il rappresentante della comunità islamica ha letto e tradotto alcuni versi del Corano sul tema della misericordia. Dop gli interventi sul tema della pace di alcuni studenti, la manifestazione si è conclusa con la preghiera di San Francesco del vicario generale della Diocesi di Siena, Colle Val d’Elsa e Montalcino, don Giovanni Soldani. Poi le note di Imagine di John Lennon e di ‘The show must go on’ dei Queen.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giuseppe Gulotta, dopo 22 anni di carcere da innocente incontra Papa Francesco

prev
Articolo Successivo

Policlinico Roma, “sale operatorie a rischio blackout”. Direttore: “A posto da 2014”. Ma collaudi dicono il contrario

next