Anonymous Francia diffonde un videocomunicato per lanciare #OpParis: l’operazione Parigi. Il loro obiettivo è quello di “smascherare i membri dei gruppi terroristici” responsabili degli attentati di Parigi. L’appello è una vera e propria “chiamata alle armi” rivolta a tutti gli hacktivisti sparsi per il mondo per unirsi alla loro lotta contro lo Stato Islamico: “Noi non ci arrenderemo. Noi non perdoneremo e faremo tutto ciò che è necessario per mettere fine alle loro azioni. Durante gli attacchi di Charlie Hedbo abbiamo già espresso la nostra volontà di neutralizzare chiunque attaccasse le nostre libertà. Al seguito dell’ennesima tragedia ribadiamo la ferma volontà nel mantenere la nostra ferrea linea. facciamo quindi appello a voi. Riunitevi. Mobilitizzatevi e difendete queste idee. Aspettatevi una mobilitazione totale da parte nostra. Questa violenza non ci deve indebolire. Essa deve al contrario darci la forza di riunirci e di lottare insieme contro la tirannia e l’oscurantismo. Noi siamo Anonymous. Noi siamo una legione. Noi non perdoniamo. noi non dimentichiamo. Aspettateci” (video tratto da Anonymous Italy)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Attentati Parigi, in Siria pioggia di raid francesi su Raqqa. “In Francia chiudiamo moschee radicali”

prev
Articolo Successivo

Attentati Parigi, addio a Valeria Solesin: il “cervello in fuga” che mancherà a questo Paese

next