Parigi sotto attacco: una serie di attentati, almeno tre ma forse anche di più, hanno colpito la capitale francese. Ma i primi allarmi erano già iniziati a partire dalla mattinata di oggi.

Venerdì di tensione a Parigi per due diversi allarmi bomba. Una prima telefonata ha costretto la polizia a far evacuare la nazionale tedesca di calcio dall’Hotel Molitor, dove si trovava in vista dell’amichevole contro la Francia. “C’è stata una minaccia e l’albergo è stato evacuato e transennato”, ha dichiarato Oliver Bierhoff, capo della delegazione della Germania, al quotidiano tedesco ExpressHendrik Grosse Lefert, responsabile della sicurezza della Federcalcio tedesca, ha precisato che “la polizia francese ci ha informato che è stata fatta una segnalazione anonima di una bomba. Abbiamo deciso di evacuare l’albergo per consentire alle forze dell’ordine di esaminare a fondo le camere e la sala delle conferenze”.

La seconda evacuazione si è invece resa necessaria alla stazione ferroviaria di Gare de Lyon, una delle principali della capitale francese, dopo alcune minacce pubblicate sul web in cui si parlava anche di un ordigno pronto ad esplodere. A riportarlo è stata l’emittente Bfmtv che, citando una fonte vicina alla polizia, ha raccontato che centinaia di passeggeri sono stati costretti ad abbandonare la stazione per circa mezz’ora. Ma anche in questo caso, dopo l’intervento degli artificieri, si è rivelato un falso allarme. “I passeggeri – ha annunciato la società ferroviaria Sncf – possono nuovamente entrare nella stazione e i treni hanno ripreso la regolare circolazione”.

Ma intanto il clima di paura legato alla minaccia di attentati terroristici è sempre più diffuso in Francia. L’allerta resta alta, ai livelli del gennaio 2015, quando avvenne l’attentato al settimanale satirico Charlie Hebdo e il governo mantiene lo stato di sicurezza a un livello elevato, dispiegando circa 10mila soldati in tutto il Paese, principalmente vicino ai centri religiosi. La paura di attentati, secondo l’indagine annuale Victimation, è diventata la seconda causa di preoccupazione dopo la disoccupazione. In particolare, interrogati sui “problemi più preoccupanti della società”, i francesi mettono per la prima volta al secondo posto il pericolo terrorismo (17,7%) dietro alla disoccupazione che rimane comunque saldamente in testa (38,3%). Nel 2014, prima degli attentati jihadisti contro la sede di Charlie Hebdo e all’Hypercacher di Parigi, a dirlo erano solo il 2,6%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siria, brutte notizie: non è solo l’Isis a distruggere il patrimonio archeologico

next
Articolo Successivo

Attentati Parigi, ecco le Home Page dai siti dei principali giornali di tutto il mondo

next