Un traffico di armi e un giro di mercenari da reclutare e mandare nei Paesi africani martoriati dai conflitti, come la Somalia. E’ quanto scoperto dall’indagine della Dda di Napoli su un’organizzazione criminale che, dalle prime informazioni, avrebbe avuto contatti con il clan dei Casalesi e con ambienti del terrorismo internazionale.

Il lavoro dell’antimafia partenopea ha portato a perquisizioni in tutta Italia, da nord a sud, compiute dal Gico della Guardia di Finanza di Venezia, dallo Scico e da altri reparti. Gli indagati sono oltre trenta, per la maggior parte gravitanti in Veneto.

L’inchiesta è condotta dai pm della Dda di Napoli Catello Maresca e Maurizio Giordano, coordinati dal procuratore aggiunto Giuseppe Borrelli. Il traffico riguarda in particolare la vendita di componenti di aerei, elicotteri e fucili mitragliatori.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Commissione Moro, il ritorno di Calogero: “I servizi bloccarono indagini su Hyperion. E anche l’inchiesta 7 Aprile”

next
Articolo Successivo

Morì dopo Tso, autopsia: “Andrea Soldi morì per strangolamento atipico”

next