Si è costituito nella caserma dei carabinieri di Treviso, città in cui risulta residente, il giovane che giovedì 5 novembre ha investito e ucciso un ciclista a Roma. Si tratta di un 17enne rom, da ventiquattr’ore ricercato in tutta Italia dal Gruppo di sicurezza pubblica emergenziale della Capitale.

Le forze dell’ordine capitoline guidate dal comandante Antonio Di Maggio avevano già identificato il ragazzo al quale sono risaliti attraverso il proprietario dell’auto coinvolta nell’incidente mortale. Alcuni testimoni avevano aiutato gli inquirenti a identificare il tipo di auto, un’utilitaria scura, ritrovata non lontano dal luogo dell’incidente. Il giovane, fuggito da Roma subito dopo l’investimento di Luciano Zarlenga, benzinaio cinquantaduenne che stava tornando a casa dopo una passeggiata in bici, ha deciso di costituirsi perchè si è sentito braccato.

Un episodio simile era già accaduto nella Capitale a maggio, quando un auto con tre rom a bordo non si fermò all’alt della polizia e travolse un gruppo di persone alla fermata dell’autobus, uccidendo una donna.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vatileaks 2, la Segreteria per l’economia della Santa Sede: “Affermazioni false e fuorvianti”

next
Articolo Successivo

Detenuto apre la finestra ed evade dalla clinica psichiatrica. Caccia all’uomo nel Cuneese

next