Emilia o Romagna? Il comune di Comacchio, appeso all’estremo confine ad est tra l’Emilia e la Romagna, si specchia e rispecchia ora da una parte, ora dall’altra, ma ben presto dovrà prendere una decisione. Di nuovo. Una scelta, infatti, era già stata presa, il 15 dicembre 2013, quando il 30,70 per cento dei cittadini si espresse con un plebiscito, pari all’88,82 per cento dei consensi, nel referendum consultivo in favore del passaggio dalla provincia di Ferrara a quella di Ravenna. Da quel giorno poco è cambiato, ma oggi, con il riordino delle province e la creazione delle cosiddette “aree vaste” previste dal ddl Delrio, il confronto tra la cittadina lagunare e la Regione si intensifica. Sulla carta, Comacchio — circa 23mila abitanti — è emiliana ma, nel sentire dei suoi abitanti, trarrebbe maggiori benefici nell’essere romagnola. Con la Romagna si schiera anche il centrodestra, mentre il sindaco di Comacchio, ex Cinque Stelle Marco Fabbri, ammette che la scelta «non è facile» e che bisognerà giocarsi al meglio «le carte vincenti».

I nodi della vicenda sono relativi alla salvaguardia dei servizi — su tutti, la sanità — e agli interessi commerciali caratteristici della zona lagunare. Lo schiacciante “sì” espresso dal referendum fu frutto delle strategie di sviluppo di Comacchio, che potrebbero essere potenziate in armonia con i vicini comuni del ravennate. Lo scorso settembre il presidente della Regione, Stefano Bonaccini aveva rassicurato riguardo la collocazione di Ferrara nel nuovo assetto regionale, riferendo che «sarà sicuramente messa nelle condizioni di non essere seconda a nessuno». Oggi, Fabbri è chiamato a scegliere: seguire la via indicata dai comacchiesi nel referendum, o agire diversamente. Il sindaco per ora fa sapere che, se i confini posti alla aree vaste saranno rigidi (con lo spostamento di tutte le competenze da una parte o dall’altra), allora Comacchio sceglierà Ravenna e la Romagna, per interessi comuni sul settore del turismo. Dall’altra parte, però, attende risposte da Ferrara: «Occorre capire cosa farà Ferrara — spiega —, se avrà voglia di guardare anche lei verso Ravenna. Comacchio ha tutto l’interesse a stare con Ravenna e forse anche Ferrara».

Nel frattempo, sulla pagina Facebook della lista civica L’Onda Comacchio, i cittadini si esprimono con decisione verso la Romagna. In particolare, l’attenzione è puntata sul futuro dell’ospedale San Camillo. Favorevole all’asse romagnolo è anche Antonio Di Munno, del centrodestra, secondo il quale «la discussione è già chiusa: Comacchio deve andare con Ravenna perché i cittadini hanno così deciso». Di parere opposto, invece, la segretaria della Lega Nord, Maura Tomasi: «Comacchio deve stare con Ferrara e possibilmente con l’Emilia. La ricchezza, la possibilità d’investimento è tutta in quell’area. In Romagna saremmo uno dei tanti comuni costieri, in Emilia saremmo “il” comune costiero».

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Social network, appello contro l’inquinamento del web: ‘Trattenetevi!’

prev
Articolo Successivo

Rimini, bimbo porta a scuola video porno: padre indagato per corruzione di minore

next