La polizia del Bangladesh ha arrestato quattro uomini sospettati dell’omicidio del cooperante milanese Cesare Tavella, ucciso a colpi di arma da fuoco il 28 settembre mentre faceva jogging a Dacca. Gli uomini sono stati fermati in diversi punti della capitale ed è stata anche sequestrata la motocicletta usata per l’agguato. Secondo l’ispettore Monirul Islam tre di loro “sono direttamente coinvolti”.

Le persone fermate sono Chakti Russell, Kala Russell, detto anche Bhagna Russell, Shooter Rubel e Sharif. Secondo le autorità due di loro hanno aperto il fuoco contro il veterinario 51enne nel quartiere diplomatico di Gulshan, mentre un terzo aspettava sulla moto. In un primo momento l’attentato era stato rivendicato dall’Isis ma il governo di Dacca ha sempre smentito legami con l’organizzazione jihadista: Asaduzzaman Khan, ministro dell’Interno, aveva detto che l’omicidio di Tavella e quello di un cittadino giapponese, avvenuto pochi giorni dopo, “hanno la stessa origine” ma che non riguardano i militanti dello Stato islamico che “non è presente in Bangladesh”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bahrain, in carcere per aver strappato una foto del re. Chi continua ad appoggiarlo?

prev
Articolo Successivo

Siria, ong: “Circa 130mila civili in fuga dai bombardamenti russi”. Appello del Papa: “Nuove strategie per la pace”

next