Giorgia Meloni è la preferita tra gli eventuali candidati, il Movimento Cinque Stelle è il primo partito, la prestazione migliore nell’area di centrosinistra la avrebbe il sindaco dimissionario Ignazio Marino. Sono gli elementi principali di un sondaggio di Datamedia Ricerche per Il Tempo che suggerisce non solo quanto può essere “frastagliato” il panorama politica prodotto delle elezioni amministrative della prossima primavera, ma anche che il voto disgiunto potrebbe restituire un esito incerto.

Se si votassero solo i leader, dunque, la preferita sarebbe Giorgia Meloni che raccoglie il 26,4 per cento delle preferenze. Dietro di lei c’è Alessandro Di Battista, il favorito tra i Cinque Stelle, con il 21,5 per cento. Qui il problema è sempre il solito: le regole del M5s dicono che visto che è deputato non può candidarsi al Campidoglio. Da capire – ma non è stato misurato – se la stessa dote elettorale si trasferirebbe su un altro candidato, come l’avvocato e consigliere comunale Virginia Raggi, indicata come possibile portabandiera grillina alle Comunali 2016. Dopo Meloni e Di Battista, a sorpresa, riecco Ignazio Marino, a dispetto di scivoloni, dimissioni, ritiro della fiducia da parte del Pd: Marino è indicato dal 16,7 per cento. Seguono, poi, Alfio Marchini (10 per cento), il vicepresidente della Camera Roberto Giachetti (4,8) e il presidente dell’Autorità anticorruzione Raffaele Cantone (3,8). Questi ultimi due sono stati inseriti tra i papabili per rappresentare il centrosinistra anche se il primo ha sempre escluso questa possibilità e l’impegno del secondo appare improbabile.

Quanto ai partiti il primo è il Movimento Cinque Stelle che – ricorda Il Tempo – aumenterebbe i propri consensi di 20 punti percentuali rispetto alle Comunali del 2013: 32,4 per cento. Al ballottaggio con il M5s andrebbe oggi, in ogni caso, il Pd, che però parte dal 22,2 per cento. Le altre forze politiche sono tutte sotto la doppia cifra: Forza Italia al 9,4, Fratelli d’Italia all’8,1, la lista Marchini al 7, Sel al 6,7, Noi con Salvini al 5,2, la lista Marino al 4,5. Ovviamente, anche se non è un meccanismo scientifico, la legge elettorale dei Comuni spinge i partiti a coalizzarsi. Il centrodestra unito, dunque, raccoglierebbe il 22,7. Il centrosinistra (se il Pd si alleasse di nuovo con Sel e la lista Marino) si attesterebbe al 33,4. Alfio Marchini, dunque, potrebbe diventare sempre di più corteggiato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Legge di Stabilità: la minoranza dem e la sindrome di Stoccolma

prev
Articolo Successivo

Governo, Cicchitto: “Ncd? Scioglierlo per unire i centristi per Renzi. Ha fatto ciò che non fece Berlusconi: uccidere i comunisti”

next