Non lo querelo solo perché mi fa pietà una persona che soffre di ossessioni patologiche“. A scrivere è stato l’ex presidente della Repubblica. L’oggetto del giudizio è un ex presidente del  lettera napolitano berlusconi 3  Consiglio. Il ring è l’Aula di Palazzo Madama, nella quale uno è senatore a vita come presidente emerito e l’altro non può più entrare perché dichiarato decaduto e “espulso”. Nel giorno che ha visto la seconda approvazione al Senato della riforma istituzionale, Giorgio Napolitano non è stato protagonista solo durante il dibattito finale, tra una chiacchierata con Denis Verdini, un appello per modificare la legge elettorale già approvata da mesi e un lungo applauso dei senatori del Pd. Ma evidentemente ha preso anche la scena dietro al sipario, ingaggiando un duello quasi violento con quello che è stato presidente del Consiglio per tre dei 9 anni in cui è stato capo dello Stato, Silvio Berlusconi. Oggetto del contendere: le dimissioni del leader di Forza Italia da presidente del Consiglio nel novembre 2011.

Un “golpe” secondo i berlusconiani, che da tempo hanno dimenticato come – ricorda peraltro Fabrizio lettera napolitano berlusconiCicchitto, ora Ncd, allora capogruppo Pdl alla Camera – Berlusconi dopo il presunto colpo di Stato abbia appoggiato in Parlamento la nascita del governo Monti e poi chiesto quasi in ginocchio allo stesso Napolitano di mettersi a disposizione per un secondo mandato da presidente della Repubblica.

Tutto comincia quando escono retroscena delle agenzie di stampa sulla riunione di Berlusconi con i senatori di Forza Italia poco prima del voto sulle riforme. A un certo punto la discussione arriva su come comportarsi quando prenderà la parola Napolitano. C’è chi come Augusto Minzolini ha proposto di uscire dall’Aula: e così è stato. Altri preferivano proteste più plateali e l’unico che ci ha creduto è stato Domenico Scilipoti che, quando Napolitano stava per prendere la parola dal suo banco del gruppo per le Autonomie, si è presentato con un foglio con scritto “2011”. E Berlusconi si è infervorato: “Ora basta, Napolitano non dovrebbe proprio parlare, non farei parlare chi ha compiuto un golpe…”.lettera napolitano berlusconi 2

lettera napolitano berlusconi 4Napolitano legge il retroscena, prende carta e penna e affida la lettera al capogruppo di Forza Italia al Senato Paolo Romani. “Ho letto dispacci di agenzia dalla vostra assemblea. Ho letto attribuite a Berlusconi parole ignobili, che dovrebbero indurmi a querelarlo, se non volessi evitare di affidare alla magistratura giudizi storico-politici; se non mi trattenesse dal farlo un sentimento di pietà verso una persona vittima ormai delle proprie, patologiche, ossessioni”. E, racconta Repubblica, a Pier Ferdinando Casini, dice: “Lui si ricorda solo il 2011, ma dimentica il 2010 quando diedi 45 giorni al suo governo per affrontare un voto di fiducia”. Quello in cui i Responsabili salvarono il terzo governo Berlusconi da morte certa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Siria, Renzi: “Le bombe non risolvono il problema. Migranti? L’Ue aveva torto”

next
Articolo Successivo

Unioni civili, ddl in Senato ma manca numero legale. Poi proteste Ncd-Fi. Salvini: “Barricate contro adozioni gay”

next