Twitter taglia fino all’8% della sua forza lavoro, che fuori dalle percentuali significa fino a 336 dipendenti. “Abbiamo assunto decisioni difficili, ma necessarie per permettere all’azienda di crescere“, ha detto l’amministratore delegato Jack Dorsey.

La decisione è stata annunciata da Twitter in una nota: “Il consiglio di amministrazione ha approvato un piano di ristrutturazione e riduzione della forza lavoro”. Secondo il comunicato le spese totali di ristrutturazione sono stimate tra i 5 e i 15 milioni di dollari e il taglio si tradurrà in spese in contanti per 10 o 20 milioni di dollari. L’annuncio ha spinto i titoli in Borsa, che arrivano a guadagnare oltre il 5%.

“Andiamo avanti con la riorganizzazione della nostra forza lavoro così da permettere all’azienda di crescere”, ha scritto il Ceo Jack Dorsey in una lettera ai suoi dipendenti. “Il nostro piano d’azione prevede un cambiamento nel modo in cui lavoriamo e siamo convinti che il settore ingegneria si muoverà molto più velocemente con un team più piccolo e agile, pur continuando a costituire la percentuale più alta della nostra forza lavoro. Parallelamente, anche il resto dell’organizzazione verrà snellita – continua la mail – perciò dobbiamo prendere una decisione estremamente difficile: abbiamo intenzione di separarci da 336 persone provenienti da vari settori dell’azienda. Lo facciamo con il massimo rispetto per ciascuno. Twitter farà tutto il possibile per prendersi cura di ciascun individuo offrendo generose buonuscite e aiutandoli a trovare un nuovo lavoro. Grazie a tutti per la vostra fiducia e per la comprensione. Non è facile. Ma è giusto. Il mondo ha bisogno di un Twitter più forte, e questo è un passo in più verso quell’obiettivo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lavoro, la ricercatrice: “Dal governo propaganda ingannevole. I nuovi contratti stabili sono pochi”

prev
Articolo Successivo

Stress da lavoro: ma chi ce lo fa fare?

next