“Si stanno valutando nuovi possibili ruoli riguardo ai nostri velivoli in loco. Quando sarà il momento porremo la decisione al vaglio del Parlamento, come è normale che sia”. Sono state queste le parole pronunciate dal ministro della Difesa Roberta Pinotti davanti alle commissioni riunite Esteri e Difesa di Camera e Senato sulla possibilità – anticipata dal Corriere della Sera – che l’Italia dia il via libera ai raid contro l’Isis in Iraq.

Poco prima il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha precisato che “la situazione in Iraq è aperta, c’è una discussione tra gli alleati sul modo migliore per partecipare all’operazione ma una cosa è certa, l’Italia non ha preso nuove decisioni sull’utilizzo dei nostri aerei e se dovesse prenderle il governo non lo farebbe di nascosto ma coinvolgerebbe come è ovvio e doveroso il Parlamento” ha detto il titolare degli Esteri che ha bollato come molto pericolosi “gli sconfinamenti della Russia all’interno del territorio turco, che hanno suscitato la giusta reazione della Nato“.

Sottolineando, però, che “va bene coinvolgere la Russia perché può contribuire alla transizione politica in Siria”. “Purtroppo questa presa di posizione potenzialmente positiva – ha aggiunto – ha dato luogo a situazioni molto critiche nel suo evolversi. I cacciabombardieri russi oltre a colpire Daesh hanno colpito bersagli controversi e sono risultati pericolosi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Raid italiani in Iraq, Mini: “Lanceremo bombe su qualche sasso. E’ la strategia di Renzi per non tagliare fondi alla Difesa”

prev
Articolo Successivo

Riforme, le opposizioni annunciano lettera a Mattarella. Ma poi litigano

next