“Lo affermo pubblicamente per la prima volta: stiamo aiutando e nascondendo decine di donne che ci hanno chiesto una mano per scappare e lasciare la loro terra perché non vogliono che i loro figli crescano nella cultura mafiosa“. Lo ha detto don Luigi Ciotti a “Bel tempo si spera” su Tv2000.

Il presidente di Libera ha parlato delle “grandi protagoniste di queste storie”, donne e soprattutto mamme, “che per amore dei loro figli stanno dicendo basta e stanno chiedendo aiuto, molte non sono né collaboratrici né testimoni ma stanno chiedendo una mano”.

Don Ciotti ha lanciato anche un appello alla politica: “Abbiamo chiesto di avviare un nuovo meccanismo legislativo che consenta anche a chi non è in grado di collaborare di vivere una vita in sicurezza. Il consenso c’è ma bisogna accelerare i tempi. E’ necessario poter cambiare i dati anagrafici dei bambini al fine di permettere loro di andare a scuola. La lotta alla mafia significa lavoro e istruzione prima di tutto”.

“Stiamo facendo miracoli – ha concluso don Ciotti – grazie alla collaborazione dei presidi delle scuole e alcuni sindaci. Che bello sentire il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, pronunciare ai ragazzi la frase ‘la scuola è vostra’”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ndrangheta, maxi operazione antidroga “Cosa nostra si rifornisce dai calabresi”

prev
Articolo Successivo

Antimafia, a Ostia scontro M5S-Sabella. Don Ciotti: “Qualche grillino sta dall’altra parte”

next