Schiaffi, insulti, calci e strattoni a bambini dai 3 anni in giù. E’ quello di cui è accusata una maestra di un asilo nido di Collecchio, nella provincia di Parma, arrestata per maltrattamenti.

La donna, 55 anni, lavorava all’asilo Salvator Allende, e su disposizione del gip del Tribunale di Parma si trova ora agli arresti domiciliari. Le indagini sono iniziate a maggio, dopo una denuncia presentata ai carabinieri da una collega della donna. I militari hanno quindi installato nelle aule delle telecamere nascoste che hanno permesso di documentare una serie di maltrattamenti, tra cui strattoni, ingiurie e percosse, schiaffi e calci, nei confronti dei bambini, tutti di età inferiore ai 3 anni

Ad eseguire l’ordinanza di custodia cautelare, il 25 settembre, sono stati i carabinieri della compagnia di Salsomaggiore Terme, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla procura di Parma e condotta dalla stazione dei carabinieri di Sala Baganza.

“Aspettiamo insieme ai cittadini collecchiesi di conoscere gli sviluppi della vicenda in corso, con la più assoluta fiducia nell’operato della magistratura, che agirà indubbiamente con la competenza e l’attenzione dovute in simili casi”, si legge in una nota inviata alla stampa nella tarda mattinata di sabato dall’amministrazione comunale di Collecchio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Federico Aldrovandi, dieci anni dopo la morte il racconto degli amici d’infanzia

prev
Articolo Successivo

Aldrovandi: basta insultare la memoria di Federico, lo Stato onori la famiglia

next