Dopo una cena di oltre due ore alla stellata Osteria Francescana di Massimo Bottura, Matteo Renzi porta il suo ospite, il capo di Stato francese Francois Hollande, alla festa dell’Unità di Modena, con tanto di giro tra gli stand e nelle cucine. “Il n’est plus le parti communiste”, spiega Renzi allo sprovveduto collega. E chiarisce: “Qui teniamo insieme sia il popolo di Facebook che quello storico e militante”. E giusto per essere chiari, lo sottopone a una scarica di selfie, compreso quello con alcuni giovani immigrati che lavorano in uno degli stand gastronomici della festa

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Di Pietro: “Salvini? Una volta faceva tendenza Brigitte Bardot, ora lui. Pd e Casaleggio non mi vogliono”

prev
Articolo Successivo

Flavio Tosi: “Salvini? E’ l’altra faccia di Beppe Grillo, populista e demagogo”

next