Fa una certa impressione vedere la riforma della Costituzione ridotta a una battaglia all’ultimo sangue su cavilli di regolamento. Stavolta quelli del Senato.

Fa una certa impressione vedere la Carta costituzionale trattata con così poco riguardo. Tagliando il dibattito parlamentare su punti fondamentali come l’articolo 2 che fissa le regole per l’elezione dei membri del nuovo Senato.

Fa una certa impressione pensare che la nuova Costituzione possa essere approvata con i pochi voti garantiti da Denis Verdini quando invece ci vorrebbe il massimo del consenso trattandosi delle regole comuni della nostra convinvenza democratica.

Fa una certa impressione pensare a come poi potranno considerarla i cittadini, questa nuova Costituzione, una volta verificato come presidente del Consiglio, maggioranza di governo e quella parlamentare se ne sono così altamente infischiati della necessità di condividerla con il maggior numero di parlamentari possibile, tenendo presente che qualcosa essi continuano pur sempre a rappresentare.

Una certa impressione infine su quello che ci aspetta. Il presidente del Consiglio Matteo Renzi riuscirà forse a far passare questa riforma costituzionale. Quel che è certo è che rischiamo di pagare un prezzo altissimo. Considerando che dopo di lui, con altri numeri e altri Verdini, non mancheranno quelli che della sua riforma vorranno fare al più presto carta straccia.

 

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ricette economiche per l’Italia: da Bruxelles troppi inviti al suicidio

prev
Articolo Successivo

Riforma del Senato: l’ultima idea di Matteo Renzi, decisamente la peggiore

next