Costerà fino a 10 miliardi di euro sviluppare il maxi giacimento di gas scoperto dall’Eni al largo dell’Egitto. Lo ha detto in audizione al Senato l’amministratore delegato del gruppo Claudio Descalzi, che ha anche rivelato che sotto il campo offshore di Zohr, di cui il Cane a sei zampe ha il 100%, “probabilmente ce n’è un altro, forse di condensati o olio“. Il prossimo obiettivo, quindi, è “verificare” questa possibilità: “La speranza è che i volumi possano aumentare” rispetto agli 850 miliardi di metri cubi di gas dichiarati, “anche se siamo già contentissimi così”. La produzione del giacimento è stimata attualmente “tra i 70 e gli 80 milioni di metri cubi al giorno e tra i 30 e i 35 miliardi di metri cubi all’anno”. L’Organizzazione dei Paesi produttori di petrolio (Opec) ha commentato con l’AdnKronos dicendo che si tratta di “una delle scoperte destinate a incidere di più sul mercato dell’energia mondiale”, in una fase in cui le quotazioni del barile sono su livelli storicamente molto bassi.

Le caratteristiche del gas trovato, secondo il manager, sono “incredibili”, perché “non c’è Co2, non c’è zolfo, è praticamente metano, quasi non deve essere trattato, c’è una grande pressione e una temperatura bassa”. Si tratta di condizioni che “incidono sui costi. Ma la cosa importante è che è a poche decine di km dalla nostra installazione, e praticamente di fronte, c’è Al Gamil, il nostro centro di trattamento del gas”. Tutte condizioni che contribuiscono ad abbassare i costi da sostenere per estrarre gli idrocarburi. “Costi e investimenti – ha precisato Descalzi – li stiamo affinando ed è prematuro dare un numero, ma si può fornire un ordine di grandezza. Sono pozzi semplici. Il ministro egiziano ha parlato di 6-7 miliardi, possiamo pensare un ordine di grandezza di questo tipo. Si può rimanere al di sotto dei 10 miliardi”.

Quanto ai tempi, il governo egiziano vuole sviluppare la scoperta di Zohr “in termini rapidi, cioè nel 2017”. Nelle prossime settimane sarà presentato al governo del Cairo il piano di sviluppo, poi il numero uno del Cane a sei zampe presenterà al consiglio di amministrazione l’investimento finale. Questo “dovrei farlo a dicembre”, ha detto Descalzi.

Considerando le grandi quantità di gas trovato, il giacimento “oltre a soddisfare la domanda di gas interna dell’Egitto potrebbe dare la possibilità di riprendere l’export di gnl (metano liquefatto, ndr) in Spagna e Italia a prezzi anche interessanti”. Per l’Europa, quindi, “ci potrebbero essere impatti indiretti”. Quanto alle possibilità che si possa realizzare un gasdotto dedicato, Descalzi ha specificato che “in questo momento” il sistema “più probabile sono i rigassificatori“, ma se si trovano altri giacimenti di questo tipo, in Egitto ma anche a Cipro, “si potrebbe giustificare anche un tubo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Enigate

di Claudio Gatti 15€ Acquista
Articolo Precedente

Pirelli, i conflitti di interesse di Intesa e Unicredit nell’offerta cinese a Tronchetti

next
Articolo Successivo

Inpgi, ‘se avanti così patrimonio azzerato in 2030’. E riforma non risolve problema

next