Direttamente dal configuratore on line, ecco le prime immagine della Suv elettrica della Tesla, la Model X. Il modello è talmente vicino alla messa su strada – inizio 2016 – che, nonostante non siano state rilasciate informazioni ufficiali alla stampa, i clienti possono già configurare la versione preferita scegliendo on line colori e optional. Certo, non tutti gli aspiranti clienti, ma quelli che hanno deciso di staccare un assegno da 4.000 euro a garanzia delle loro reali intenzioni. Ieri qualcuno fra gli entusiasti promessi acquirenti americani ha pubblicato sul forum Teslamotorsclub.com le immagini catturate sul configuratore. Che rivelano che il modello di serie della Model X è praticamente identico alla concept car presentata nel 2012. Confermati l’abitacolo a sette posti, le porte con apertura ad ala di gabbiano e le maniglie a filo con la carrozzeria. La versione Signature Series offerta ai primi acquirenti ha la trazione integrale realizzata grazie a due motori elettrici, uno anteriore da 259 CV e uno posteriore da ben 503. Le batterie da 90 kWh dovrebbero garantire 240 miglia (quasi 390 km) di autonomia. Prezzo? Negli Staes, 132.000 dollari, cui se ne possono sottrarre 10.000 fra incentivi federali e californiani. Ma cui se ne possono aggiungere altri 10.000 se si vuole l’opzione “Ludicrous Speed update“, che permette accelerazioni “assurde”: da 0 a 60 miglia orarie (96 km/h) in 3,2 secondi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Salone di Francoforte 2015, Citroën Cactus M: moderna Méhari – FOTO

prev
Articolo Successivo

Salone di Francoforte 2015, BMW si dà all’ibrido plug-in con 4 modelli ‘alla spina’

next