Grande commozione ieri a Chicago, in occasione di un collegamento video di papa Francesco dal Vaticano con tre città americane, in vista della sua imminente visita negli Stati Uniti. Una studentessa 17enne di una scuola gesuita, Valerie Herrera, ha avuto l’opportunità di cantare in onore del pontefice. Quando le è stato dato il microfono, ha rivelato di aver lottato a lungo con la vitiligine, una malattia epidermica autoimmune che l’ha colpita all’età di 4 anni. Poi, visibilmente commossa, ha detto che è stata per tanti anni vittima di bullismo e che grazie al canto e al sostegno della sua famiglia ha imparato a essere più a suo agio con se stessa. Papa Francesco, a sorpresa, le ha domandato: “Posso chiederti di cantare per me?”. Valerie ha iniziato a piangere e Bergoglio l’ha incoraggiata: “Sii coraggiosa“. Valerie ha eseguito in spagnolo, con voce rotta dall’emozione, la canzone “Junto a ti, Maria” (“Vicino a te, Maria”). Papa Francesco ha ringraziato e ha chiesto di pregare per lui

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cina, “Crollo della borsa è opera mia”. La “confessione” del giornalista è straziante

next
Articolo Successivo

“Profughi, benvenuti in Germania”. Fiori per i siriani, che pubblicano il video e ringraziano

next