Una discarica a cielo aperto a ridosso della riserva naturale Laurentino-Acqua Acetosa di Roma. Rifiuti edili, pneumatici, elettrodomestici e materassi sono stati buttati nel fosso dell’Acqua Acetosa il cui corso d’acqua prosegue nell’area protetta. Secondo alcuni dipendenti di RomaNatura, l’ente regionale per la gestione delle aree protette del Comune di Roma, in questi casi la rimozione non è immediata. “Noi abbiamo segnalato la cosa ai vigili – spiegano – che dovranno verificare e poi presentare una denuncia penale e in seguito ci sarà un iter burocratico per il quale passeranno mesi”. Operazione ancora più complessa, anzi impossibile secondo RomaNatura, quando si tratta dei fossi perché “sono demaniali e in questo caso i rifiuti non li leveranno mai, lo Stato non li spende i soldi per pulire”  di Luca Teolato

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Festival EcoFuturo 2015: l’economia verde ci può salvare! Ma…

prev
Articolo Successivo

Eni: la scoperta del giacimento in Egitto ci ricorda un’altra storia

next