In Florida, Stati Uniti, certo James Lee Cobb III è stato condannato a 27 anni di prigione per frode fiscale. Si è fatto rimborsare 3 milioni di dollari cui non aveva diritto utilizzando documenti falsi. La frode fiscale italiana analoga a quella commessa da James Lee consiste nella emissione e utilizzazione di fatture false mediante società finte, appositamente create – in genere all’estero – per frodare l’Iva.

Il sistema è semplice. Delinquente, titolare di una Srl, Frodatrice, crea una società estera priva di risorse e di personale, un semplice recapito presso un commercialista che gli mette a disposizione un’impiegata; chiamiamola Fantasma. Compra merce a nome di Fantasma cui saranno intestate le fatture. Fantasma paga con il denaro di Delinquente. Però non paga l’Iva. Subito dopo rivende (con Iva) la merce a Frodatrice per un prezzo inferiore: la differenza è pari all’Iva non pagata. Frodatrice vende la merce in Italia a prezzo concorrenziale (può contare sul risparmio Iva di Fantasma) e si porta in detrazione l’Iva che finge di pagare a Fantasma; finge perché Fantasma e Frodatrice fanno capo sempre a Delinquente. Alla fine dell’anno di imposta Fantasma sparisce. Invano il Fisco straniero chiederà il pagamento dell’Iva: non c’è nessuno, soci e amministratori erano vecchietti ricoverati all’Ospizio. Frodatrice chiede al Fisco italiano il rimborso dell’Iva a credito o comunque si porta in detrazione quella che ha fatto finta di pagare a Fantasma. Tutto questo viene ripetuto N volte con società diverse aventi sede – questo è molto importante – in differenti città. E così si evadono milioni di euro (altro che 3 milioni di dollari di James Lee).

Cosa succede sul piano tributario? Il processo dura da 12 a 15 anni e, quando finisce, farsi dare soldi dalle varie Fantasma è impossibile: gusci vuoti. Farseli dare dalle Frodatrice anche; quando il Fisco arriva (a 3/4 anni di distanza dai fatti) sono fallite o in liquidazione. Delinquente è nullatenente. I soldi se li è spesi; barche, macchine e case sono intestate a società terze.

Resta la prigione, che non sarebbe poco. Ma la frode fiscale è punita con un massimo di 6 anni; se ripetuta, applicando l’art. 81 cp, si può arrivare a 18. Pura teoria, in tutta la mia vita di pm mai è stata inflitta una pena superiore a 4/5 anni; nel 90% dei casi, con un anno e 8 mesi e sospensione condizionale tutto andava a posto. Ma, si potrebbe giustamente dire, è colpa dei giudici: svegliatevi. Vero. Però sarebbe comunque tutto inutile perché la legge è studiata apposta per non far andare in prigione nessuno.

Prima di tutto c’è la prescrizione; 7 anni e mezzo dal momento in cui i reati sono stati commessi. Siccome li si scopre con accertamenti e verifiche di Fisco e GdF, la procura si attiva quando le arriva la notizia di reato: sono passati minimo 3 anni. Un sistema come quello descritto richiede rogatorie estere e indagini contabili (pensate alle migliaia di fatture e documenti bancari da esaminare) molto complesse. Meno di 2 anni per mandare a giudizio Delinquente non è possibile. Restano 2 anni e mezzo per primo grado, appello e Cassazione. Ma in genere in Tribunale è già prescritto tutto.

Poi c’è il giochino della competenza territoriale. Supponiamo che la frode venga scoperta a Torino, nel corso di una verifica a Frodatrice 1. Da qui, con indagini bancarie, perquisizioni e sequestri e un po’ di fortuna, si scoprono Fantasma 2, 3 e 4 e le corrispondenti Frodatrice; nonché i vari Delinquenti che compongono la banda, ognuno in una differente città. Bisogna spezzettare il fascicolo e mandare gli atti alle procure competenti per ogni domicilio fiscale di ogni Frodatrice: così dice la legge. Così il sistema complessivo non lo conosce più nessuno; ogni pm si deve fare le sue rogatorie (magari già fatte da un altro) e ripetere indagini. Oppure aspettare che il primo pm abbia finito e gli mandi copia di tutto quello che è stato fatto; poi l’indagine sarà integrata con quello che manca nel caso specifico. In questi casi la prescrizione matura nel corso delle indagini.

Ah, manca un pezzetto. Se si arriva a sentenza definitiva, 3 anni non si sconteranno: gli anziani di Cesano Boscone hanno molto bisogno di aiuto. Al massimo si andrà in prigione per i mesi eccedenti i 3 anni. Ma di sentenze così severe non ce n’è.

Tutto questo favorirà un tipo particolare di “crescita”. Gli imprenditori onesti in Florida o in altri posti del genere. E i Delinquenti in Italia. A pensarci bene è avvenuto da un pezzo.

da il Fatto Quotidiano del 25 agosto 2015

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La lettera di Ultimo ai suoi uomini contro i “servi sciocchi”: “Grazie per la lotta ai poteri forti”

next
Articolo Successivo

Alienazione genitoriale, ecco cos’è

next