Ha un passato nell’Msi e in Alleanza nazionale e un presente da “destrorso” che non rinnega. Eppure, da qualche giorno, ha aperto le porte a 17 migranti, arrivati in parte dall’Africa occidentale e dalla Somalia, in parte dal Bangladesh. Lui si chiama Roberto Gabellini, ed è un pensionato di Rimini. “Ho affittato una casa – racconta – a un’associazione che ospita profughi, l’Ardea, perché conosco la sua serietà e trasparenza. Certo, c’è anche un interesse personale: con l’affitto di 2000 euro al mese riesco a pagare il mutuo. Ma l’ho fatto sapendo comunque di aiutare ragazzi che arrivano da zone di guerra o alluvionate”.

La casa è una villetta di trecento metri quadrati, con tre bagni e una vista stupenda sulle colline di Rimini. Qui i migranti, tutti richiedenti asilo, studiano l’italiano e passano le loro giornate tra giardinaggio, attività sportive e cucina. “Non speculo e non mi sento un usuraio. Sono orgoglioso di dare una mano: se ci sono delle persone che hanno bisogno e dei progetti seri per accoglierle, bisogna aiutare. E questo ragionamento non è né di destra, né di sinistra”. L’ex militante di An ha dovuto far fronte a una pioggia di accuse, talvolta vere e proprie minacce, arrivate anche da esponenti della sua area politica e dell’estrema destra. “I più critici sono stati proprio gli amici e non i nemici. Perché la sinistra è rimasta in silenzio, mentre la destra ha reagito con ignoranza”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Casamonica: impunità e ipocrisia delle istituzioni che si indignano

prev
Articolo Successivo

Lecce, crolla edificio in ristrutturazione: muore operaio di 58 anni di Bitonto

next