Diventano un caso politico i funerali sfarzosi di Vittorio Casamonica, figura di spicco dell’omonimo clan romano, accompagnato nell’ultimo viaggio da carrozze, cavalli, Rolls Royce, gigantografie, petali lanciati da un elicottero, una folla plaudente e la celebre colonna sonora di “Il Padrino” (articolo, fotogallery e video). Caso politico ma non solo. Don Luigi Ciotti, presidente di Libera, chiede infatti direttamente conto alle autorità ecclesiastiche: “E’ compito della Chiesa ribadire che non può esserci compatibilità fra la violenza mafiosa e il Vangelo”. Sul caso interviene in serata anche il sindaco Ignazio Marino: “Ho chiamato il Prefetto perché siano accertati i fatti con il dovuto rigore. È intollerabile che i funerali siano strumenti dei vivi per inviare messaggi mafiosi“.

Mentre Sel, così come il parlamentare Pd Roberto Morassut, prepara un’interrogazione parlamentare al Ministro dell’Interno Angelino Alfano, annunciano il capogruppo a Montecitorio Arturo Scotto e la deputata Celeste Costantino, che giudicano la vicenda “incredibile” e chiedono anche una presa di distanza della Chiesa. “Non può essere consentito a nessuno l’apologia della malavita“, spiegano i due deputati. “Chiediamo che vengano prese le distanze da parte delle autorità religiose e pensiamo che le autorità civili debbano dare qualche risposta su quanto accaduto, a partire dalla questura“.

Sulle esequie di Casamonica, la cui famiglia è coinvolta in Mafia capitale e in una sfilza di casi giudiziari, interviene anche il presidente della Commissione Antimafia, Rosy Bindi: “Quanto avvenuto oggi a Roma non è francamente accettabile. Sarà necessario accertare se tutto questo sia accaduto con o senza le dovute autorizzazioni”.

Per il Pd interviene il commissario romano Matteo Orfini: “Mai più. Roma non può essere sfregiata da chi la vorrebbe far diventare un set del Padrino”, commenta sui social network.

E subito ne nasce una polemica col presidente della Lombardia Roberto Maroni, che su Twitter ironizza: “Eh sì, con il Pd al governo Roma è proprio Mafia Capitale“. La replica piccata di Orfini non si fa attendere: “La mafia a Roma ha dilagato quando c’era il tuo amico Alemanno e tu governavi. Abbi la decenza di tacere”.

Per don Ciotti: “Le scene viste fuori dalla chiesa dove non possono lasciarci indifferenti”: è il commento del presidente di Libera, don Luigi Ciotti. “Non è qui ovviamente in discussione il diritto di una famiglia di celebrare i funerali di un suo membro e la partecipazione di amici e conoscenti” precisa il sacerdote, che punta però il dito contro la “grave” ed “evidente strumentalizzazione di un rito religioso per rafforzare prestigio e posizioni di potere“. “Sappiamo che le mafie non hanno mai mancato di ostentare una religiosità di facciata, ‘foglia di fico’ delle loro imprese criminali“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vittorio Casamonica, i funerali del boss “Re di Roma”: cavalli e Rolls-Royce, l’elicottero e la musica del Padrino

prev
Articolo Successivo

I funerali di Vittorio Casamonica, Abbate “Mafia capitale va a processo, ma loro continuano a fare quello che vogliono”

next