E’ diventato una vera e propria leggenda in rete un bambino di 10 anni, che la scorsa settimana si è reso protagonista di una prodezza ardita e applaudita. Fan scatenato del White Sox, il ragazzino, nei primi minuti di una partita di baseball che si disputava allo stadio U.S. Cellular di Chicago, ha invaso il campo da gioco, gabbando le cinque guardie di sicurezza. Correndo come una furia incontenibile, tra finte e dribblate, il bambino è stato inseguito senza successo dai cinque addetti, uno dei quali è caduto faccia a terra ed è rimasto quasi esanime sul campo. Incitato dai cori degli spettatori, il bimbo alla fine è stato fermato e accompagnato fuori dallo stadio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calcio, Mourinho: “La dottoressa Eva Carneiro non sarà in panchina a Manchester”

next
Articolo Successivo

Olimpiadi 2024, per Roma “l’incubo” Los Angeles: la “città ideale” vuole candidarsi

next