Il decreto attuativo dell’articolo 35 dello Sblocca Italia “manda in fumo ambiente, salute, economia del riciclo e normative europee, proponendo di costruire 12 nuovi inceneritori e mettere un limite alla raccolta differenziata del 65%”. A scriverlo è il capogruppo M5S al Senato Gianluca Castaldi commentando lo scoop de Il Fatto Quotidiano che pubblica la bozza del testo. “Per giustificare la inutile e costosissima costruzione di 12 nuovi inceneritori“, attacca Castaldi, “il governo Renzi, il ministro Galletti e i suoi tecnici proni alla lobby dell’incenerimento e Confidustria hanno ribaltato a loro piacimento le gerarchie europee sulla gestione dei rifiuti. Si sono inventati di sana pianta che l’incenerimento è primario e strategico in barba alla riduzione dei rifiuti, il recupero materia e la raccolta differenziata. Tutto questo mentre la Commissione europea ed il Parlamento europeo preparano linee guida che puntano al riciclo totale di materia e a evitare l’incenerimento”.

Secondo i deputati e senatori del MoVimento che siedono nelle commissioni Ambiente di Camera e Senato, il piano del governo “ricorda guarda caso quello proposto nel 2008 da Anida Confindustria sotto il governo Berlusconi“, che “all’inizio 2009 gli allora Meet Up Amici di Beppe Grillo e le prime liste civiche 5 stelle denunciarono alla Commissione Europea insieme a tutte le altre politiche inceneritoriste attuate in Italia”. I parlamentari annunciano “battaglie e denunce in tutte le sedi”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Immigrazione, Grillo a Buccarella: ‘In M5S non ci sono gerarchie. No differenza tra opinione di senatore e di consigliere’

next
Articolo Successivo

Riforme, Napolitano interviene ancora: “Esigenza vitale, non ledono democrazia”

next