Continua lo sciopero della fame e della sete che Marco Pannella ha iniziato domenica “per il rispetto e il diritto della legalità, per la giustizia, i processi e i problemi legati al mondo carcerario”. Il leader radicale ha ricevuto una telefonata dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ha voluto personalmente informarsi delle condizioni di salute del leader radicale.

Il capo dello Stato ha invitato il leader radicale (85 anni compiuti a maggio) a desistere dallo sciopero, che può mettere in pericolo le sue condizioni di salute. Durante la telefonata, il presidente della Repubblica ha espresso “attenzione e apprezzamento” per le battaglie civili a sostegno del diritto e della legalità portate avanti da Pannella. Il leader radicale, infatti, è in sciopero totale di fame e sete per “sostenere e aiutare le difficili funzioni dei massimi organi istituzionali”. “Sono mobilitato perché ho fiducia e attendo di poter essere davvero d’aiuto a Mattarella”, ha detto lo stesso Pannella, nel suo primo giorno di sciopero della fame, chiamando in causa proprio il presidente della Repubblica. Pannella chiede atti di clemenza per il sovraffollamento delle carceri italiane ricordando tra l’altro il messaggio alle Camere (l’unico del suo mandato) che l’allora presidente Giorgio Napolitano rivolse al Parlamento nell’ottobre 2013, aggiungendo che i Radicali vogliono aiutare Mattarella e il presidente del Consiglio Matteo Renzi perché annuncino quello che intendono fare per ottemperare agli obiettivi sempre più attuali di quel messaggio. Lo scorso anno, ad aprile, Pannella ricevette la telefonata di papa Francesco proprio mentre scioperava per invocare indulto e amnistia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

M5S, Grillo: “Mattarella? Pensavo che almeno un pugno sulla scrivania lo potesse dare”

prev
Articolo Successivo

Riforma Senato, Napolitano ancora in difesa del ddl. M5S: “Giorgio do you know Mattarella?”

next