Germania vuol dire auto. Non è solo una questione di luoghi comuni, ma un dato di fatto. Nel 2014 Volkswagen Group, la prima società tedesca della storia a superare i 200 miliardi di fatturato, in base alla classifica annuale di Fortune non è soltanto la più grande del paese davanti a Daimler con 129 (quarta Bmw con 80), ma anche la terza d’Europa dietro le petrolifere Royal Dutch Shell e BP. Insomma: la prima manifatturiera del Vecchio Continente. Si tratta di una conferma, perché anche nel 2013 occupava la stessa posizione, solo che mentre le prime due hanno perso il 6,6%, il colosso di Wolfsburg ha guadagnato il 2,8%. Daimler compare al sesto posto (guadagnando due piazze), preceduta dalla svizzera Glencore e dalla francese Total. Bmw è sedicesima: nel 2013 era 19esima. La prima società italiana è Eni, undicesima con 110 miliardi (nella precedente graduatoria era nella “top ten”, nona), mentre Fiat Chrysler Automobiles è tredicesima con 96 miliardi (anche senza CNH Industrial che è 91esima con 24,5 miliardi), con un avanzamento di due posizioni. PSA Peugeot Citroën è 35esima a quota 53,6 miliardi (arriva dalla 36esima piazza), Renault 51esima (41 miliardi), Volvo 73esima (31,1 miliardi).

La sintesi è che l’auto tedesca piace. E molto. Anche perché pure gli affari dei fornitori girano bene: Bosch è 41esima con 49 miliardi (era 45esima) e Continental (34,5, 68esima). ZF e Schaeffler sono fuori dalle cento, ma valgono rispettivamente quasi 18,5 e più di 12 miliardi di volumi. E ZF, che ha acquisito la rivale americana TRW, è diventato il terzo gruppo al mondo (lo si vedrà l’anno prossimo con i volumi aggregati).

I fatturati tuttavia sono solo un parametro. Sulla base della capitalizzazione di borsa Volkswagen è seconda in Germania con quasi 103 miliardi di euro dietro a Bayer, ma sommando i valori di Porsche (20° con 24,3) e Audi (14° con 33,6) passa in testa doppiando il colosso chimico. Daimler è terza a quota 91,2 e Bmw nona a 65,8.

Martin Winterkorn, ceo di Volkswagen Group (nella foto), è il manager più pagato del Vecchio Continente con 14,8 milioni nel 2014. Fra i dieci che guadagnano di più, cinque lavorano per società elvetiche (tra questi anche l’italiano Sergio Ermotti, UBS, con poco meno di 9 miliardi, tredicesimo banchiere meglio compensato del pianeta), due per le britanniche Shell e BP e due per le spagnole Iberdrola e Telefònica.

A livello mondiale, la capitalizzazione di Apple ammonta a 735 miliardi di dollari. Alle sue spalle altre quattro società americane (Google, Microsoft, Exxon Mobil e Berkshire Hathaway) e quindi la prima cinese, PetroChina (316 miliardi), che in dodici mesi è passata dal 15° al sesto posto. La prima europea è la multinazionale svizzera Novartis (11°), mentre il primo costruttore auto è Toyota, 19° come nel 2013 con 233 miliardi. Volkswagen, a quota 116, compare al 63° posto (sempre senza le controllate) con una perdita di 10 posizioni, Daimler è 78° a quota 103 (poco davanti a Boeing, 81°) e Bmw 130° (74) con una flessione di ben 27 piazze.

Sulla base dei soli fatturati, la prima società al mondo è Wal-Mart con 485 miliardi di dollari, Volkswagen Group è settima con 269 e Toyota ottava con 249 (ma il margine netto è del 5,36% per la prima e del 7,98% per la seconda). Poi ci sono Daimler, sedicesima a quota 172 (tre posizioni guadagnate), che precede la prima società italiana, che va assolutamente citata. Perché è la Exor, diciottesima (era 22esima) con 162,4 miliardi, cioè la finanziaria delle famiglie Agnelli e Nasi, che controlla sia FCA sia CNH Industrial. General Motors è 19° (156), Ford 26° (144), Fiat Chrysler Automobiles 37° (era 43°) con 126,6 miliardi (che figura già come società di diritto olandese), Honda 45° (era 41° con 115,6 miliardi), Bmw è 50° (era 59° con quasi 107 miliardi), Nissan è 53° (104) seguita al 55° posto dalla cinese SAIC (101,6) e quindi da Hyundai è 87° (84,8). Sia Exor sia FCA sono tra le società con il ritorno percentuale più basso: 0,26 e 0,59%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Autostrade tedesche, caos pedaggio camion: lo Stato fa causa all’azienda di riscossione

next
Articolo Successivo

Neolaureati, gli europei sognano di lavorare per Google e per Volkswagen

next