L’ultimo baluardo di una superficialità globale ostentata senza riguardi si arrende alla concorrenza. Con un gesto irresponsabile, lo staff di Twitter ha infatti deciso di eliminare il limite di 140 caratteri per i messaggi privati, a sottintendere la convinzione che la riservatezza garantisca concetti più ampi e articolati. Come se un periodo storico tanto rozzo e distaccato fosse fronteggiabile con un eccesso immotivato di democrazia. In redazione, a Starmale abbiamo appreso la notizia con il solito disagio.

Riteniamo infatti che centoquaranta caratteri siano eccessivi per un’epoca che merita solo concetti base e stringatezze da prima serata. Col rischio costante di entrare nello specifico, creare un eccesso di comunicazione o, peggio, riuscire a spiegarsi. Chiediamo quindi che il limite di caratteri a disposizione dell’utente venga ridotto a 70, per un confronto meno personale e più distaccato.

E per restituire ai social network l’antico splendore e lo statuto di piattaforme in grado di veicolare concetti futili, catene evitabilissime, forme di razzismo e incomprensioni. Perché quest’epoca non merita analisi approfondite, ma un’osservazione approssimativa e superficiale. Tanto quanto questa campagna di sensibilizzazione contro ogni approfondimento, che tende a lasciare perplessi persino noi. Qui il link alla campagna di Starmale.net.banTwitter

Segue l’articolo, appena esposto, compresso in 70 splendidi (e sintetici) caratteri: 

No#twitt_elabort,epocablanda,stringati vrs ilfuturo,democraziafallata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Federalberghi: “Aumentano gli italiani in vacanza”. La prima regola? Risparmiare

next
Articolo Successivo

Gran Bretagna, cittadini depressi? “Programma di massa per assunzione vitamina D”

next