In Spagna la siesta è d’obbligo, a Roma si chiama ‘pennichella’, a Milano ‘pisolino’. Uno studio, pubblicato dalla rivista The Guardian, svela gli effetti positivi di un sano riposo pomeridiano. Lo studio ha messo a confronto la reazione di uomini di età compresa tra i 18 e i 50 anni, notando in chi si concedeva un riposino pomeridiano minori livelli di stress rispetto a chi era rimasto sveglio tutto il giorno. Un sonnellino pomeridiano dunque, rende meno irritabili.

La durata di questi riposi pomeridiani è comunque importante per renderli efficaci. Dopo il pranzo, le dormite possono avere una durata variabile tra i 30 e i 90 minuti. Sembra che un sonnellino di 7-10 minuti sia abbastanza per ottenere benefici nell’immediato e fino alle successive tre ore. Al contrario può risultare dannoso e provocare anche disorientamento un riposo che superi le due ore. L’orario migliore è comunque quello che va dalle 13 alle 16: uno studio giapponese dice che il ‘riposino perfetto’ dovrebbe durare 20 minuti ed iniziare alle 14 in punto.

Un terzo della popolazione mondiale utilizza questo ‘strumento’, più efficace della caffeina, per migliorare l’attenzione e la loquacità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pillola anticoncezionale, l’uso regolare dimezza il rischio di tumore all’endometrio per 30 anni

next
Articolo Successivo

Aids, studio Usa: “Farmaco anticancro per stanare l’Hiv nascosto nel corpo”

next