‘“Posso venire a lavorare ma a partire da settembre perché voglio prima andare in vacanza”. Questa è solo una una delle tante motivazioni stravaganti che Giovanni De Vivo, titolare di una caffetteria nel centro di Napoli ha sentito durante i colloqui di lavoro. Giovanni da circa due mesi sta cercando 10 persone per completare il suo staff ma le risposte ricevute sono varie. “Alle 5.30 del mattino però è troppo presto per cominciare a lavorare, poi voglio il week-end libero”. C’è anche chi vorrebbe essere assunto ma suggerisce al titolare di lavorare in nero così da non perdere la disoccupazione. In tempi di crisi è difficile immaginare che soprattutto i giovani rifiutino un posto di lavoro. Certo, c’è chi ha paura di essere sottopagato e sfruttato, ma come spiega Giovanni quello che viene offerto è un contratto di lavoro di 8 ore al giorno con due mesi di prova per circa 800 euro al mese all’inizio, soprattutto per chi non ha esperienza. “I miei collaboratori sono increduli – dice Giovanni – io a volte li faccio assistere ai colloqui ma sentendo le varie risposte alla fine mi danno ragione”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disoccupazione, ecco come funziona il nuovo sussidio Naspi

next
Articolo Successivo

Usa, dipendenti si dimettono dall’azienda che paga tutti 70mila dollari l’anno

next