“La Roma è uno dei club più importanti d’Europa. Sarà un’esperienza bellissima, un orgoglio per qualsiasi calciatore”. Sono le prime parole di Wojciech Szczesny, presentato a media e tifosi a Trigoria. Arrivato in prestito per rilanciarsi dopo un anno negativo all’Arsenal, il portiere polacco ha già le idee chiare su quale sarà la sua stagione: “Sono qui per vincere. La concorrenza con De Sanctis? Farà bene a entrambi”.

L’ex estremo difensore del Legia Varsavia è già entrato in contatto con l’ambiente giallorosso, dando l’impressione di voler già convincere Garcia grazie all’aiuto proprio di De Sanctis. “Sì, Morgan parla un ottimo inglese, mi aiuta tutti i giorni a imparare la lingue e quali parole utilizzare in campo. È una persona molto amichevole, e un grande portiere“. Il polacco (che ha scelto la maglia numero 25) apre anche alla suggestiva ipotesi di alternanza tra i pali, visti i numerosi impegni della Roma tra campionato e Champions. “Al Barcellona l’anno scorso ha funzionato, ma è una scelta che spetta al mister. Io spero in allenamento di guadagnarmi il posto ed aiutare la squadra”.

I rapporti con Wenger nell’ultima stagione non sono stati proprio idilliaci: dopo essere diventato titolare nell’Arsenal a soli 21 anni, le quotazioni di Szczesny sono calate sempre più. Forse non l’ha aiutato il suo carattere un po’ sopra le righe: “Qui però mi comporterò bene: i tifosi sono molto caldi, e anche io ho un carattere passionale. Vivo in prima persona vittoria e sconfitta”. Una promessa solenne, ma non l’unica: “Voglio vincere il derby, a tutti i costi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fifa, Maradona pensa di candidarsi “Presidente contro la mafia del calcio”

next
Articolo Successivo

Calciomercato Roma, tentativo per Gerson: offerti 15 milioni al Fluminense

next