Sesso e cocaina. Con tanto di video, conseguente gogna mediatica e ripercussioni politiche. E’ costata carissima all’ex ministro laburista John Buttifant Sewel la notte brava trascorsa nella sua casa londinese in compagnia di due escort. Il tabloid The Sun, infatti, ha ricevuto e pubblicato in esclusiva il filmato dello scandalo, in cui si vede il parlamentare inglese seminudo mentre fa uso di droga insieme a due prostitute. Il vice speaker 69enne della Camera dei lord, che finora ha rivestito il ruolo di garante delle norme di comportamento dei colleghi, dopo il divampare della polemica si è dimesso dai suoi incarichi, ma senza rinunciare al seggio nell’assemblea. Ma quest’ultima non è l’unica conseguenza del festino. Il politico, infatti, è stato anche sospeso dal suo partito e ora dovrebbe essere espulso dal Parlamento, in base ad una norma del regolamento, introdotta per sua stessa iniziativa nel 2015.

 

 

Il premier David Cameron, rispondendo alle domande dei media locali, ha detto che il lord dovrebbe essere destituito al più presto dalla Camera alta e la baronessa Frances d’Souza, attuale speaker della House of Lords, dopo aver comunicato le dimissioni di Sewel dalla presidenza della commissione di Vigilanza, ha ordinato a Scotland Yard l’apertura di una inchiesta nei suoi confronti. Il diretto interessato non ha rilasciato nessun commento, mentre giornali e colleghi parlano di “vergogna”.

Il Sun intanto ha rilanciato la vicenda, pubblicando una foto che ritrae l’ex speaker mentre fuma indossando il reggiseno preso da una delle prostitute. Altre immagini ritraggono Sewel intento a sniffare polvere bianca attraverso una banconota arrotolata da 5 sterline dal seno di una delle ragazze. Ma il video integrale, secondo quanto riferito dal tabloid, contiene anche altre conversazioni private, con commenti e apprezzamenti velenosi su diverse figure pubbliche, da Cameron al suo ex “padrino” politico Tony Blair.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Isis, “jihadisti abbandonano in massa il fronte iracheno travestiti da donna”

next
Articolo Successivo

Siria, il Ramadan e il racconto della guerra attraverso le serie tv

next