Digital Life Tech Test E ReadersStiamo diventando tutti lettori digitali? Se consideriamo che durante il Prime Day di Amazon, tenutosi lo scorso 15 luglio, l’oggetto più venduto in Italia è stato l’ultimo modello di Kindle Paperwhite, l’ereader della società americana, la risposta è sì. Per chi non lo sapesse il Prime Day è una bella trovata di Jeff Bezos per invogliare le persone ad acquistare: una giornata in cui i clienti Prime possono usufruire di sconti decisamente vantaggiosi e di consegna gratuita.

Per tranquillizzare chi preferisce il ‘profumo della carta’, è bene precisare che i lettori digitali in Italia sono ancora pochi, ma in costante crescita, come ha evidenziato recentemente anche il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini.

E mentre da noi gli e-book crescono, da oltreoceano arrivano notizie in controtendenza. Secondo i dati diffusi dal AAP- Association of American Publishers, nel primo trimestre 2015 la vendita di e-book negli Stati Uniti ha registrato un calo del 7,5% rispetto allo stesso periodo del 2014, con un giro d’affari di 374,1 milioni di dollari contro i 404,5 milioni del 2014. Ma i responsabili dell’Associazione non sono preoccupati e considerano queste fluttuazioni normali, inoltre alla fine del 2014, a fronte di una riduzione del numero di copie vendute, il fatturato dei libri digitali è risultato in crescita.

Ma torniamo all’Italia dove gli e-book iniziano ad avere sempre più adepti. Del resto nel nostro Paese la diffusione di tablet è in costante crescita e ogni possessore di tablet è un potenziale lettore di e-book. Anche se io non mi stanco mai di ripetere che il miglior strumento per leggere un libro digitale è l’e-reader che non affatica gli occhi ed è decisamente più maneggevole.

In ogni caso, la diffusione degli e-book sembra avvenire nonostante molte case editrici ancora si concentrino sul cartaceo e propongano l’edizione digitale solo dopo mesi. Una riluttanza comprensibile visto che con gli e-book è scoppiato anche il self-publishing, un fenomeno ben analizzato e descritto nell’articolo di Antonio Leggieri pubblicato da Il Fatto Quotidiano.

All’analisi di Leggieri aggiungo che il fenomeno self-publishing ha registrato anche un’inspiegabile chiusura da parte di quotidiani e riviste che difficilmente recensiscono le opere degli autori autopubblicati. Dirò di più, molti blasonati periodici non prendono proprio in considerazione gli e-book, anche quelli pubblicati dalle case editrici, riservando le loro recensioni solo ai libri cartacei.

Un vero peccato perché nel mare magnum dei self vi sono opere che meriterebbero attenzione e che vengono scoperte solo a posteriori, ovvero quando una casa editrice blasonata ne propone una nuova edizione. E questa dimenticanza spesso contagia anche gli organizzatori di eventi, infatti a Elba Book, il festival dell’editoria indipendente che si terrà a Rio nell’Elba dal 29 al 31 luglio, non c’è traccia di self-publishing. E chi è più indipendente di un autore autopubblicato?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Apple, nuovi prodotti per diversificare l’offerta. A settembre uscirà l’iPhone 6s

next
Articolo Successivo

Google Camp 2015, ad Agrigento i mercanti del web vanno al Tempio

next