Andrea e Luca Brambilla avevano appena 9 mesi e viaggiavano con i loro genitori verso la Lombardia, forse dopo alcuni giorni di vacanza. Sono morti insieme nell’auto schiacciata tra il guardrail e un tir sull’A12 nel tratto tra Migliarino Pisano e Viareggio (Lucca). La madre, Elisa Chiricò, 32 anni, originaria di Cecina (Livorno), è stata estratta viva dalle lamiere contorte dell’auto e trasportata in gravi condizioni a Pisa. Le sue condizioni sono stabili. Non sarebbe in pericolo di vita. Il padre dei bambini, Cristian Brambilla, 34 anni, del Milanese, è uscito praticamente illeso ma chiaramente sotto choc.

Il conducente del mezzo pesante, un romeno, è stato denunciato per omicidio colposo. Un atto dovuto, fanno sapere dalla procura – come riporta l’Ansa – anche perché per ora la dinamica dell’incidente non è chiara e l’autista, dai primi rilievi, non avrebbe effettuato manovre gravi né è risultato positivo all’alcoltest. Secondo quanto si è appreso, la famiglia, che risiede nel Milanese, viaggiava in direzione nord e sulla corsia di sorpasso a bordo di una Nissan Qashqai quando l’auto è stata stretta e stritolata contro il guardrail. L’impatto è stato devastante. Il padre dei due gemellini ne è uscito illeso, mentre i suoi figli sono morti dentro quell’abitacolo diventato un ammasso informe di lamiere del quale è rimasta prigioniera anche la madre.

Per oltre un’ora l’autostrada Genova-Rosignano è rimasta chiusa in entrambe le direzioni di marcia nel tratto interessato per consentire le operazioni di soccorso e la rimozione dei mezzi incidentati: l’autocisterna del gruppo lombardo Eugenio Ferrari, specializzato nel trasporto di sostanze chimiche, era carica di una soluzione corrosiva che fortunatamente non è fuoriuscita.

Il personale del 118 ha provato a rianimare a lungo sul posto i due gemelli prima di doversi arrendere e dichiararne l’avvenuto decesso. I loro corpi sono stati trasportati all’istituto di medicina legale di Pisa per essere sottoposti all’autopsia. La mamma è stata invece trasportata in gravi condizioni con l’elisoccorso all’ospedale di Pisa: ha subito molteplici fratture, ma a tarda ora i medici non si erano ancora espressi sulle sue condizioni. Anche lei è rimasta a lungo schiacciata all’interno dell’abitacolo, o di quello che ne era rimasto, e non è stato semplice liberarla dalle lamiere.

Intorno alle 19 una corsia dell’autostrada è stata riaperta al traffico in entrambi i sensi di marcia anche per consentire lo smaltimento delle code che si erano create in seguito all’incidente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Papa Francesco rientra dall’America Latina: “Crocifisso su falce e martello? Nessuna offesa”

next
Articolo Successivo

Gabriele Paolini, chiesto processo per violenza sessuale: “Palpeggiò giornalista”

next