“Via, vattene”. E poi insulti e urla. Così il sindaco Ignazio Marino è stato accolto appena arrivato alla fermata della metro Furio Camillo dove un bimbo è morto precipitando nel vano ascensore della metropolitana

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Immigrazione, affonda gommone al nord della Libia: recuperati 12 cadaveri

prev
Articolo Successivo

Catania, Il Fatto incontra i suoi lettori per parlare di migranti e business accoglienza

next