Alessandro De Ponti, l’attivista italiano fermato nei giorni scorsi in Kurdistan tornerà in Italia l’11 luglio, per via di problemi burocratici. In un primo momento le agenzie di stampa avevano diffuso la notizia che il giovane sarebbe arrivato a Malpensa il 9 luglio attorno alle 22:30.

Il ragazzo 23enne originario di Treviglio(Be) era stato ferito ad una spalla la settimana scorsa ad Erbil mentre cercava di raggiungere, illegalmente, l’Iraq. L’attivista italiano era stato successivamente fermato dal governatorato di Erbil. De Ponti era partito dalla Turchia in aprile, dove si trovava per studiare, con l’intenzione di aiutare il popolo curdo. Fermato al confine da uomini del Partito Democratico del Kurdistan era stato trovato sprovvisto di documenti assieme ad altri due attivisti.

*aggiornato dalla redazione web il 10 luglio 2015 alle 19:30

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cina, crollo delle borse dovuto a esercito di piccoli azionisti “non informati”

next
Articolo Successivo

Ucraina, rispunta l’alleanza nazi-islamica. “L’Isis a fianco delle brigate neofasciste”

next