Ci sono posti dove l’accoglienza dei migranti non solo funziona, ma è anche una risorsa per il territorio. Paesini “fantasma” se non ci fossero i “disperati” arrivati in Italia sui barconi . È il caso di Riace, nella Locride in provincia di Reggio Calabria, dove da anni i cittadini convivono con circa 400 migranti ai quali sono stati date le case abbandonate dagli italiani che si sono trasferiti al Nord. Accoglienza e integrazione non sono uno slogan per fare soldi con i progetti “Sprar”, ma un’opportunità per il futuro degli abitanti e degli stranieri che, in Calabria, trovano una casa e una borsa-lavoro che li aiuta a integrarsi e, allo stesso tempo, riqualificare un paese abbandonato. C’è chi lavora nelle cooperative del Comune guidato dal sindaco Mimmo Lucano il quale, nelle settimane scorse, ha invitato Matteo Salvini a visitare quello che ormai viene definito il “modello Riace”  di Lucio Musolino

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia Capitale, Spada: “Io reggente del clan? La gente mi chiede di candidarmi a Ostia”

next
Articolo Successivo

Migranti, Alassio guida la “rivolta” del Ponente ligure: “Ordinanza anti-contagio”

next