Emerge dal web un nuovo video, presumibilmente girato dall’Is in una data non precisata nell’antico anfiteatro di Palmira in Siria, dove si vedono ragazzini di 13-14 anni che uccidono 25 uomini, alcuni con i visi tumefatti. Al centro della scena, lo stendardo nero dell’organizzazione islamista. Lo riferisce la Bbc, proprio nel giorno in cui la Tunisia decreta lo stato di emergenza e il presidente chiede il sostegno internazionale, dopo gli attacchi terroristici delle scorse settimane, contro lo Stato islamico ormai “alle porte”.

Il video è stato distribuito da account collegati ai jihadisti dello Stato islamico, ma non è chiaro quando sia stato girato, precisa ancora la Bbc. Mostra diverse centinaia di persone in abiti civili sedute sui gradini dell’anfiteatro come spettatori della fucilazione. Nei primi piani degli uomini che stanno per essere uccisi si nota che sono stati picchiati al viso. Alcuni giorni dopo la conquista di Palmira, l’Isis aveva ucciso altri 20 uomini nello stesso anfiteatro.

L’Osservatorio siriano per i diritti umani denuncia un altro crimine dell’Is che sarebbe avvenuto nel nordest della Siria: sei persone  crocifisse con l’accusa di non avere osservato il digiuno del mese sacro di Ramadan. Secondo l’Osservaztorio, i sei sono stati appesi alla cancellata del quartier generale della ‘hisba’, cioè il corpo di parapolizia dei jihadisti, nella località di al-Mayadin, nella provincia nordorientale siriana di Deir al-Zor.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, in 150 “forzano” il tunnel della Manica a Calais: “Azioni immediate”

prev
Articolo Successivo

Spagna, ecco la ‘Ley Mordaza’: vietato manifestare se la polizia non vuole

next